"Chiunque abbia avuto a che fare con l'universo cosplay in Italia non può non aver sentito parlare di Alessia Mainardi. Appassionata di mitologia e archeologia e amante della scrittura, è diventata una cosplayer in un momento della sua vita in cui tutto sembrava andare storto. Al compimento dei diciotto anni, l’età dell’indipendenza, scopre infatti di essere affetta da una rara malattia genetica degenerativa, l’Atassia di Friedreich, che le impedisce il controllo dei movimenti e una vita autonoma. La scoperta del Cosplay e la passione per ”l’arte del costume ”, che le regala amicizie e nuove sfide, la aiutano a reagire alla diagnosi.

Alessia realizza a partire dal 2003 ben 70 costumi (di cui avete esempio nel collage qui sopra) che le valgono quasi una ventina di premi nelle maggiori fiere italiane, come quello ottenuto nel 2009 al Festival del Fumetto di Novegro nei panni di Nuada (black version) il villain di 'Hellboy II – The Golden Army'.

L’incontro con il re celtico si rivela profetico, nel 2014 infatti Nuada diventa protagonista della saga tra urban-fantasy e sci-fi Argetlam , pubblicata con successo.

Come scrittrice il suo esordio risale al 2008, dove a Lucca Comics debuuttò con l’autoproduzione della trilogia fantasy Avelion.  

Nel 2011 ha pubblicato inoltre un'autobiografia a scopo benefico dal titolo Alessia in Cosplayland, che grazie alla sceneggiatura di Simone Brusca e alle illustrazioni di Ivan Bella è diventata nel 2013 un fumetto che racconta l’importanza che l’attività di cosplayer ha avuto nell’affrontare la sua malattia. Una parte dei ricavi delle vendite di entrambi i volumi sono devoluti alla ricerca per la cura all'Atassia di Friedreich.

In qualità di cosplayer storica, non avendo più partecipato a competizioni dal 2013, è frequentemente chiamata a valutare i concorsi di Cosplay: l'ultimo è stato Lucca Comics  2017 per il CNC."

Ciò che avete appena letto può considerarsi la mia biografia 'ufficiale' di cosplayer, ma sarebbe troppo riduttivo racchiudere una passione che mi accompagna da 15 anni e ancora perdura, intrecciandosi spesso con i miei universi fantastici di carta e inchiostro in poche righe. Per cui permettetemi di 'metterci la faccia', in questa sezione del mio professionalissimo sito di autrice, vi mostrerò i miei costumi e soprattutto vi svelerò la persona, affatto seria e decisamente nerd, che sono in realtà.

Intendo raccontarvi, come fossimo vecchi amici, cosa mi ha portato ad indossare i panni di questo o quel personaggio, gli aneddoti dietro la sua creazione, e tutto ciò che penso potrà incuriosirvi e farvi comprendere che per me il Cosplay non è stato e non sarà mai solo indossare un vestito per farsi quattro belle foto.

Il Cosplay per me è divertimento, sfida con me stessa per trasformarmi e rendere reale ciò che appartiene solo alla fantasia, evadere da una quotidianità che spesso appare  quasi troppo pesante da sopportare, offrendomi una scusa per interagire con chi condivide le mie stesse passioni.
E, perchè no?, magari trovare l'ispirazione per un mio prossimo libro!