"Una ragazza affetta da una malattia degenerativa, che dall'incontro con il mondo del cosplay impara a combattere contro ogni difficoltà e ad amare la vita, con i suoi lati positivi e anche quelli negativi. Riuscendo a diventare quello che nemmeno lei avrebbe mai potuto immaginare."

Da qui parte tutto.

Alessia Mainardi, cosplayerper hobby, che dal 2003 ha vinto sui palchi di numerose manifestazioni nazionali, nel 2011 ha deciso di raccontare la sua personale storia di vita all'interno di un libro autobiografico, pubblicato a proprie spese, il cui ricavato viene devoluto a favore della ricerca sulle malattie genetiche e in particolare sull'Atassia di Friedreich, di cui l'autrice è affetta, tramite il progetto internazionale di BabelFamily: www.babelfamily.org

Nel 2013 grazie all'interesse dello sceneggiatore Simone Brusca e dell'illustratore Ivan Bella il progetto 'Alessia in Cosplayland' è diventato anche un fumetto dal sottotitolo "Lo Specchio della Realtà", sempre pubblicato in autoproduzione, mantenendo inalterato il suo scopo benefico di raccogliere fondi da devolvere alla ricerca sulla malattie genetiche. E anche di raccontare, prima attraverso il libro e poi nel fumetto, un diverso aspetto della disabilità che, se viene affrontata con uno sguardo nuovo, può non essere considerata una fine, bensì un differente punto di partenza.

Scopri la Gallery Alessia in Cosplayland

Il Libro Illustrato - "Alessia in Cosplayland"

Alessia vive a Parma con i suoi nonni e fin da piccola sogna di fare l'archeologa. Come tutte le adolescenti, frequenta la scuola, fa sport e nel tempo libero legge libri e va al cinema. Ma proprio nel momento in cui fantastica sul proprio futuro e sulle proprie aspirazioni, le viene diagnosticata l'Atassia di Friedreich, una malattia degenerativa progressiva del sistema nervoso. Ha 18 anni e la prima reazione alla notizia è quella di cadere in depressione e chiudersi in se stessa, vergognandosi degli sguardi e dei giudizi degli altri. 

Fino a quando un giorno succede qualcosa: Alessia, da sempre appassionata di fumetti e cartoni animati, entra in contatto con il mondo delle fiere e del cosplay. Proprio come l'Alice del romanzo di Carroll finisce nel Paese delle Meraviglie, Alessia scopre "Cosplayland", un universo fatto di colori, di fantasia e anche un po' di follia, in cui anche chi nella "realtà" si sente diverso, può trasformarsi in chiunque desideri. Così si arma di macchina da cucire e insieme a nonna Betty comincia a creare con le sue mani abiti splendidi, tanto da attirare, sfilando in costume, quegli stessi sguardi che prima evitava con timore. Alessia diventa Ryuki, una cosplayer riconosciuta e ammirata, e nel giro di pochi anni si trasforma in Lady Oscar, nella Regina Elizabeth, nella Sposa Cadavere, in Jack Sparrow e in tanti altri personaggi che interpreta di volta in volta alla perfezione. Fino a ritrovare, costume dopo costume, evento dopo evento, la propria identità per tanti anni nascosta per la paura di non essere accettata. Oggi Alessia è una cosplayer affermata, organizzatrice di eventi cosplay e autrice della saga fantasy "Avelion".

Il libro "Alessia in Cosplayland", autobiografia "in costume" di Alessia Mainardi, non è la storia di una ragazza e della sua malattia. è la storia di Alessia che combatte contro un destino già apparentemente segnato per ritrovare se stessa e diventare una persona che non si vergogna della propria andatura barcollante, ma che ama la vita per come è, accettandone tutte le sfumature, dalle più luminose alle più buie. è la storia vera di una ragazza che è la dimostrazione vivente di come non esistano limiti o traguardi irraggiungibili.

Perché, come dice l'autrice, "La volontà è ciò che rende chiunque in grado di realizzare anche l'impossibile".

 

Il Fumetto - "Alessia in Cosplayland - Lo Specchio della Realtà"

Tic tac, tic tac. Le lancette dell'orologio girano, ma il tempo per Alessia sembra essersi fermato. Da quando le è stata diagnosticata una grave malattia incurabile, la sua vita sembra avere perso ogni significato. Fino a quando scopre che c'è un modo di lasciarsi la sofferenza alle spalle e di diventare qualcun altro: il cosplay. Alessia incontra un nuovo mondo, crea costumi e si trasforma in personaggi di film, cartoni animati e fumetti. E proprio grazie alla fantasia, ritrova la forza di ritornare a vivere. 

Dalla matita di Ivan Bella e con la sceneggiatura di Simone Brusca nasce il fumetto "Alessia in Cosplayland - Lo Specchio della Realtà", che si ispira liberamente al libro benefico "Alessia in Cosplayland".

L'autobiografia della scrittrice e cosplayer Alessia Mainardi diventa la storia a fumetti di un'eroina speciale, in carne e ossa. Perché ci sono eroi di carta e cartoni animati, stelle del cinema e della tv. E poi ci sono le persone reali, che a volte sono capaci di cose straordinarie anche senza doni sovrannaturali o superpoteri. L'opera racconta di una ragazza che stava per morire dentro, ma che alla fine si è salvata. Di un male piombato a sconvolgere la vita serena di una diciottenne come tante. Di un mondo colorato e folle in cui si è rifugiata quando tutto sembrava più buio, e che piano piano l'ha fatta rinascere. Il nome di quella ragazza è Alessia Mainardi e la sua è una storia vera, che comincia con una diagnosi che sembra una condanna. In questa storia non ci sono i cattivi da combattere. L'unico grande nemico è una malattia, purtroppo non inventata. Si chiama Atassia di Friedreich, colpisce progressivamente il sistema nervoso rendendo difficili anche i più semplici movimenti, e non è ancora stata trovata una cura. 

In questa storia non ci sono poteri speciali. O forse sì. E si chiamano determinazione, fantasia, anche follia. E poi amicizia, amore, comprensione. Poteri che hanno fatto rialzare e combattere Alessia, che con il cosplay, ma non solo, diventa maga, elfa, regina e pirata, principessa, ballerina e cantante. E alla fine trova la strada per ricominciare ad essere se stessa e avere il coraggio di tornare alla realtà. Realizzando il sogno di diventare una scrittrice e arrivando di nuovo a sentirsi una ragazza normale. 

Perché "la disabilità, a volte, è solo una questione di punti di vista".

Alessia in Cosplayland è un progetto autoprodotto, pertanto non si può trovare nei normali circuiti di vendita: per ordinare una copia potete contattare senza impegno l'autrice all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.